06/10/2015 - Il selenio: un alleato della fertilità

Il selenio è un nutriente che si trova in alcuni alimenti come pesce, noci brasiliane, uova, pane, frattaglie e olio di semi. Inoltre è contenuto in frutta, verdura e cereali in quantità variabili a seconda della sua concentrazione nel suolo di coltivazione.

L'alimentazione occidentale ne garantisce in genere un apporto sufficiente. Il fabbisogno giornaliero è di 55 microgrammi al giorno e aumenta in gravidanza e allattamento, dove raggiunge i 70 microgrammi.

Il selenio è fondamentale per i sistemi cardiovascolare, immunitario e riproduttivo. Su quest’ultimo in particolare è stato condotto uno studio dell’Università di Adelaide, pubblicato sulla rivista Metallomics, che ha svelato l'esistenza di un'associazione tra la presenza di selenio nei follicoli ovarici e la probabilità che quei follicoli producano un ovulo da cui nascerà un bambino.

Alcuni ricercatori hanno collegato la ricca presenza di antiossidanti nel selenio al numero e alla salute dei follicoli ovarici: i risultati dello studio mostrano come i follicoli più sani appartengano alle donne con un alto livello di selenio.

Secondo lo studio, le donne che seguono particolari diete alimentari che possono ridurre l’apporto di selenio, dovrebbero quindi fare attenzione in quanto la carenza di questa sostanza influenza la fertilità. Questo minerale è prezioso inoltre nella prevenzione delle malattie cardiovascolari, dei tumori, ed è un partecipante attivo nella produzione di prostaglandine, che regolano gli stati infiammatori, permettendo di ridurre l’insorgenza di malattie come l’artrite reumatoide.

FONTE: Salute24