Questa meta-analisi fornisce una stima aggiornata e completa degli effetti dell'obesità sui disturbi metabolici nella sindrome dell'ovaio policistico (PCOS) nelle adolescenti. >>
L'infertilità colpisce negli Stati Uniti l'11% delle donne in età riproduttiva. Il numero di nati vivi attraverso la PMA, sia con la fecondazione in vitro (FIV) che con trattamenti di fertilità non-FIV (NIFT), continua a salire. >>
L’Heavy Menstrual Bleeding (HMB) è definito come l’eccessiva perdita di sangue mestruale (> 80 ml per ciclo), che interferisce con il benessere fisico, emotivo e sociale di una donna e influenza la sua qualità di vita. >>
L’obesità nelle donne con la sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) influisce negativamente su tutti gli aspetti clinici ed una perdita di peso tra il 5 e il 10 % ha mostrato risultati promettenti a livello riproduttivo, metabolico e psicologico. >>
Ci sono una varietà di opzioni di trattamento efficace per indurre l'ovulazione nelle donne con sindrome dell'ovaio policistico (PCOS). Unendo entrambi i trattamenti, riproduttivi e metabolici, le terapie combinate (come metformina e clomifene insieme) possono offrire un maggiore beneficio per sottogruppi distinti di pazienti. >>
Recentemente, il Mio-Inositolo unito all’acido folico ha guadagnato un ruolo importante nel trattamento della sindrome dell'ovaio policistico (PCOS), in aggiunta al trattamento con i contraccettivi orali combinati (COC). >>
L'obiettivo principale dello studio è quello di confrontare la funzione sessuale e la qualità della vita nelle donne con sindrome dell'ovaio policistico rispetto alle donne in buona salute. >>
Le donne in sovrappeso e obese potrebbero richiedere dosi più elevate di gonadotropina quando sono sottoposte a trattamenti di fecondazione in vitro (FIV). L'obiettivo principale dello studio è quello di esplorare se il numero di cicli di trattamento modifica il risultato della FIV. >>
L’irsutismo colpisce il 5-25% delle donne ed è spesso causato dalla sindrome dell'ovaio policistico (PCOS). La valutazione iniziale dei pazienti con irsutismo dovrebbe includere una storia medica completa, una valutazione clinica e un’analisi del sangue per diagnosticare quel 5% di pazienti con irsutismo che statisticamente sono affetti da disturbi endocrini rari. >>
La sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) è un’endocrinopatia complessa che colpisce le donne in età riproduttiva. E’ stato confermato il ruolo cruciale di obesità e insulino-resistenza nello sviluppo di caratteristiche metaboliche e cardiovascolari della PCOS. >>
Oltre a disordini ormonali, insulino-resistenza e disfunzioni del tessuto adiposo, lo stress ossidativo, definito come uno squilibrio derivato dall’eccessiva formazione di ossidanti in presenza di limitate difese antiossidanti, è stato attivamente implicato nell'eziologia della PCOS. >>
Lo scopo di questo studio tedesco è stato quello di determinare i livelli di ansia durante il corso del trattamento di Fecondazione in vitro (FIV) e le differenze di genere nei trattamenti dell’ansia. >>
La resistenza all'insulina è prevalente nelle donne che soffrono di sindrome dell'ovaio policistico (PCOS) e svolge un ruolo critico fisiopatologico in entrambe le complicazioni metaboliche e riproduttive della PCOS. >>
L'obiettivo è quello di confrontare gli esiti delle nascite in donne che hanno utilizzato le tecniche di riproduzione assistita (PMA), sia con donne poco fertili (indice di subfertilità), che non hanno adottato queste tecniche, sia con donne fertili. >>
Lo studio suggerisce che l’età materna e il numero di embrioni trasferiti hanno un effetto indipendente sull’esito della FIVET in donne infertili secondarie. >>
Studio condotto con l’intento di determinare il rischio di Diabete Mellito Gestazionale (GDM) e Insulino-Resistenza (IR) in condizioni di obesità definita in base all’Indice di Massa Corporea (BMI), al Rapporto Vita-Fianchi (WHR) o entrambi. >>
La scoperta del DNA fetale acellulare che circola nel sangue materno ha offerto nuove opportunità per la diagnosi prenatale non invasiva. >>
L’uso della contraccezione, gli esiti della gravidanza e il numero di bambini nati, sono differenti in donne con e senza sindrome dell'ovaio policistico (PCOS)? >>
Così come la prevalenza di disfunzioni endocrine è in aumento, l'associazione tra Sindrome dell'Ovaio Policistico (PCOS) e malattie autoimmuni della tiroide è sempre più riconosciuta. >>
Secondo uno studio australiano recentemente pubblicato, la diagnosi di Sindrome dell’Ovaio Policistico influenza in modo significativo le funzioni riproduttive della donna nel breve termine ma anche le sue condizioni generali di salute nel lungo periodo. >>
Un’unità di ricerca americana ha studiato la possibilità di creare artificialmente un ovaio per le donne che non possono sottoporsi al trapianto di tessuto ovarico. >>
Uno studio prende in esame i fluidi follicolari, per capire se questi potranno essere utili come indicatori di fertilità in pazienti che si sottopongono alle tecniche di procreazione assistita. >>
Anche se la ricerca suggerisce che il comportamento socio-sessuale cambi in concomitanza con il ciclo mestruale, diversi fattori potenziali sono raramente presi in considerazione. Questo studio si concentra sugli effetti del cambiamento delle concentrazioni di ormoni su disagi fisici, sonno, esercizio fisico e interesse socio-sessuale in giovani donne sane. >>
Esiste un modello per calcolare le possibilità di gravidanza prima dell'inizio del primo ciclo di FIV e dopo uno o più cicli falliti?
Secondo uno studio esiste un modello di previsione che consente un calcolo accurato della probabilità di una gravidanza con la fecondazione in vitro, esaminando un ampio range di variabili per ottenere la massima precisione possibile. >>
Una dieta povera di carboidrati può migliorare il profilo metabolico delle donne con Sindrome dell’Ovaio Policistico? Uno studio mostra come, somministrando una dieta per 8 settimane si possano ristabilire buoni livelli di testosterone e mitigare l’insulino-resistenza. >>
In questa recensione si prendono in considerazione tutte le possibili cause che portano a reiterati fallimenti della Fecondazione in Vitro, un problema affrontato da circa il 10% delle donne che ricorrono a questa tecnica per concepire. >>
Un contesto familiare in cui siano presenti diabete mellito, ipertensione, obesità e disfunzioni cardiovascolari potrebbe influenzare significativamente il fenotipo della sindrome dell’ovaio policistico. >>
Ecco una rassegna sulla letteratura medica che indaga l’incidenza dell’intolleranza al glucosio nelle donne con sindrome dell’ovaio policistico e le possibili misure preventive. >>
Indagate le abitudini alimentari delle donne in sovrappeso con PCOS. Secondo uno studio le abitudini alimentari delle donne in sovrappeso con PCOS ne influenzano i parametri metabolici, in particolare l’insulina e il colesterolo, e il modello ormonale. >>
Secondo un recente studio l’incidenza di diabete mellito gestazionale è stata significativamente ridotta grazie ad un trattamento con mio-inositolo e acido folico. >>
Un recente studio mostra come le proprietà del mio-inositolo e del D-chiro-inositolo siano efficienti nel trattare i disturbi legati all’insulino-resistenza e nella prevenzione e trattamento di alcune complicanze del diabete. >>
Sembra che la pillola non migliori il modello di crescita follicolare, né l’ovocita e la qualità degli embrioni. Questo il risultato dello studio realizzato dai ricercatori di Lille. >>
La sindrome dell’ovaio policistico e la sindrome metabolica (SM) sono disturbi comuni che condividono molte caratteristiche, in particolare l’obesità addominale e l’insulino-resistenza. >>
La combinazione di mio-inositolo e monacolina K, una statina naturale, nel trattamento della PCOS comporta il miglioramento nella condizione lipidica e nell’iperandrogenismo delle pazienti. >>
Utilizzando le tecnologie di imaging più recenti uno studio americano conclude che è necessaria una soglia sostanzialmente più elevata di follicoli presenti nell’intero ovaio – 26 vs 12 follicoli – per distinguere le donne con PCOS dalle donne sane. >>
La terapia combinata mio-inositolo più D-chiro-inositolo è in grado di migliorare il profilo metabolico della PCOS, e quindi è in grado di ridurre il rischio cardiovascolare. >>
Secondo questo studio la misurazione dell’AMH può essere inclusa come ultimo criterio diagnostico per la diagnosi di PCOS, quando sia l’iperandrogenismo o l’anovulazione sono mancanti e/o quando nessun conteggio follicolare antrale può essere fatto. >>
Il Dipartimento di Pediatria dell’Università di Cambridge pubblica un interessante articolo che analizza la PCOS nelle adolescenti: la difficoltà della diagnosi, i sintomi, il modo di affrontare il problema, ecc. >>
Secondo uno studio dell’Università di Pisa, la somministrazione di mio-inositolo nelle pazienti affette da PCOS migliora le funzionalità riproduttive, riducendo gli stati di iperinsulinemia. >>
I cambiamenti nell’analisi e nelle cure di questo disturbo riassunti in una review da una delle massime esperte di PCOS fino al recente approccio integrato endocrinologico, metabolico e neurologico nel suo trattamento. >>
Lo scopo di questo studio è quello di riportare l’esperienza dei ricercatori con le pazienti affette da PCOS rimaste incinte e seguite durante tutta la gravidanza. >>
Questo recente studio vuole confrontare la morfologia ovarica in ragazze adolescenti con e senza sindrome dell'ovaio policistico (PCOS) utilizzando la risonanza magnetica (MRI). >>
Amenorrea, oligomenorrea, polimenorrea hanno differenti livelli di insulino-resistenza nelle donne con PCOS. >>
Che si tratti di semplici ovaie policistiche o di diagnosticare la presenza della PCOS, il ruolo dell’ecografia pelvica diventa fondamentale. >>
Secondo una ricerca italiana la somministrazione di mio-inositolo è semplice e sicura e contribuisce a migliorare il profilo metabolico delle giovani pazienti con PCOS, riducendone irsutismo e acne. >>
Il 30 % delle coppie che non riescono a concepire senza una causa precisa, sono definite come affette da “infertilità inspiegata”, detta anche “idiopatica” o “senza causa apparente”. >>
Secondo uno studio, Inofert® è in grado di migliorare il profilo clinico, endocrino e metabolico di pazienti con PCOS. >>
Uno studio dimostra che l’associazione tra disordini mestruali, iperandrogenismo, obesità e problemi metabolici è evidente già in adolescenza. >>
Lo studio è una valutazione retrospettiva sulla prevalenza di diabete gestazionale (GD) nelle gravidanze di donne con la sindrome dell’ovaio policistico a cui è stato somministrato il mio-inositolo. >>
La sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) è la più frequente causa di infertilità femminile ed è inoltre caratterizzata da disturbi del metabolismo che aumentano il rischio di malattie cardiovascolari. Mentre i fattori ambientali sono stati facilmente analizzati, l’individuazione dei fattori genetici sembra essere più complessa. >>
Le pazienti con irsutismo e PCOS hanno caratteristiche cliniche differenti da quelle che non sono irsute in termini di BMI, LH, FSH, estradiol e livelli tT. La BMI è il più importante fattore di rischio che influenza il grado di irsutismo.  >>
Le caratteristiche cliniche e le complicazioni metaboliche della sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) possono cambiare con l’età. Lo scopo di questo studio è quello di mostrare le differenze tra le caratteristiche cliniche e biochimiche in pazienti comprese tra i 20 e i 40 anni d’età che soffrono di PCOS. >>
La dieta costituisce un fattore critico per lo sviluppo sia degli embrioni che del feto, così come è altrettanto importante per la salute della madre. >>
La supplementazione nutrizionale di inositolo nelle pazienti affette da PCOS produce risultati clinici molto buoni e migliora il tasso di gravidanze cliniche (PR- Pregnancy Rate). >>
Durante la tecnica ICSI (intracytoplasmic sperm injection cycles) il mio-inositolo è in grado si migliorare la qualità degli ovociti, molto più che il D-chiro-inositolo. Lo afferma un recente studio prospettico, controllato e randomizzato. >>
La maggior prevalenza di ipertensione nelle donne affette da sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) può contribuire ad un maggior rischio di malattie cardiovascolari in queste donne. >>
Lo studio mostra che la terapia combinata di pillola contraccettiva orale e mio-inositolo può essere più efficace nel controllo del profilo endocrino, metabolico e clinico delle pazienti affette da PCOS rispetto alla sola terapia con solo OCP e che può ridurre i livelli di insulina e l’insulino-resistenza. >>
La sindrome dell’ovaio policistico è la causa più frequente di infertilità da anovulazione cronica nella donna in periodo fertile. La supplementazione d’inositolo, grazie alla sua capacità di aumentare la sensibilità all’insulina, contribuisce a migliorare la qualità ovocitaria... >>
Sebbene nel Regno Unito il limite massimo di età stabilito dal National Health Service (NHS) per la fecondazione in vitro (IVF) sia di 39 anni, c’è stato un incremento del numero di donne che hanno ricevuto trattamenti per la fertilità durante i 40 anni... >>
Durante il primo anno di mestruazioni non è raro per una ragazza avere un ciclo irregolare. La completa assenza o la cessazione delle mestruazioni, che si definisce amenorrea, richiede invece un’attenta valutazione e gestione. L’amenorrea adolescenziale si divide in primaria e secondaria a seconda che si presenti rispettivamente prima o dopo il menarca... >>
Secondo uno studio di ricercatori italiani e francesi il cui scopo era di indagare gli effetti del mio-inositolo (un farmaco insulino-sensibilizzante), il trattamento di pazienti affette da PCOS con mio-inositolo ha portato alla diminuzione dell’insulina circolante e del testosterone sierico totale, nonché un miglioramento dei fattori metabolici... >>
Una percentuale compresa tra il trenta e il quaranta percento di donne affette da sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) presenta una ridotta tolleranza al glucosio... I farmaci che riducono l’insulina rappresentano le nuove terapie che permettono di ripristinare il ciclo ovulatorio spontaneo... Il mio-inositolo costituisce un trattamento semplice e sicuro in grado di ripristinare l’attività ovarica spontanea e conseguentemente la fertilità... >>