01/02/2011 - Una nuova tecnica che raddoppia le chance di fecondazione assistita

La Gran Bretagna scopre una nuova tecnica di fecondazione assistita che raddoppia le chance di procreare. Si tratta di un nuovo metodo di screening in grado di rilevare le anomalie cromosomiche degli embrioni prima dell’impianto nell’utero.

La tecnica si basa sulla computer grafica ed è in grado di effettuare diagnosi più accurate di quelle attuali permettendo di verificare quanto un embrione sia in "salute" prima di reimpiantarlo nell'utero, aumentando così le possibilità di portare a termine una gravidanza da fecondazione in vitro.

Le anomalie cromosomiche, secondo gli scienziati, sono responsabili del 70% delle gravidanze non portate a termine. La loro individuazione prima dell’impianto nell’utero potrebbe arrivare a raddoppiare o triplicare gli attuali tassi di successo dei processi di fecondazione medicalmente assistita.

Fonte: Salute24 – Il sole 24 ore