GO
08/03/2011 - Gli ormoni per arrestare la crescita possono avere effetti negativi sulla fertilità

Anni fa le ragazze molto alte facevano trattamenti ormonali per arrestare la loro crescita. Oggi, secondo un recente studio danese, le stesse ragazze, diventate adulte, sembrano avere maggiori difficoltà a rimanere incinta rispetto a quelle che non hanno fatto trattamenti ormonali.

I trattamenti ormonali di cui si parla implicano alti dosaggi di estrogeni, il cui uso diventò popolare negli anni ‘50 dopo che i ricercatori scoprirono che poteva limitare la crescita in altezza di adolescenti che erano più alte della media. Secondo i dati forniti dallo studio danese, più di 5.000 ragazze negli USA furono trattate con gli estrogeni e molte di più in Europa. Infatti, a quei tempi, le aspettative di futuro di una donna erano quelle di sposarsi e avere bambini e questo era difficile se si diventava una ragazza troppo altra rispetto ai pretendenti.

Ancora oggi alcune ragazze molto alte sono trattate con gli estrogeni – più in Europa che negli USA – ma il quantitativo di estrogeni dato a queste adolescenti è più o meno lo stesso che è presente in una pillola anticoncezionale. In passato, quando ancora i dottori non avevano scoperto i rischi potenziali degli estrogeni, questa dose poteva essere 100 volte superiore.

Per questo studio, il Dr Hendriks e i suoi colleghi hanno reclutato 239 donne danesi che sono state sottoposte nella loro adolescenza a trattamenti con alte dosi di estrogeni per arrestare la crescita. A fianco a queste è stato reclutato un gruppo di donne alte che non si erano sottoposte a tali trattamenti.

I dati emersi dalla ricerca e pubblicati sul Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism rivelano che le donne che avevano preso gli estrogeni durante l’adolescenza avevano avuto più problemi di concepimento rispetto alle altre e in particolare che:

- l’82% di queste donne, una volta rimaste incinte, portava a termine con successo la gravidanza, contro il 95% dell’altro gruppo che non era stato trattato con estrogeni

- solo il 71% dava alla luce un bimbo vivo, contro il 90% dell’altro gruppo.

- il 56 % era in grado di restare incinta in meno di un anno, contro il 79% del gruppo di donne non trattate.

- queste donne erano soggette molto più delle altre a trattamenti per l’infertilità.

Fonte: Reuters Health Information