17/09/2013 - Premiata una ricerca italiana sulla fecondazione

Dal Centro di Medicina della Riproduzione Generale e dalla clinica Valle Giulia di Roma arriva una scoperta che si dimostrerà utile per analizzare in modo non invasivo la qualità degli embrioni da impiantare con la fecondazione assistita.

Questa ricerca si basa sull’analisi dei microRNA di origine embrionaria, che sono delle molecole rilasciate fisiologicamente dagli embrioni nell’ambiente circostante.

Queste, interagendo con l’endometrio al momento dell’impianto, possono favorire l’attecchimento dell’embrione.

L’analisi di queste molecole potrebbe quindi aumentare la capacità di valutazione degli embrioni prodotti durante la fecondazione in vitro.

Lo studio ha ricevuto un importante riconoscimento in occasione del 29° Congresso annuale della Società Europea di Medicina della Riproduzione e di Embriologia (ESHRE) tenutosi a Londra.

FONTE: ANSA