Dieta mediterranea ed esercizio fisico per diventare mamme

Quando si programma un figlio, oltre agli esami medici di routine e specifici per scongiurare eventuali complicazioni in gravidanza, è bene seguire uno stile di vita per quanto possibile salutare, per preparare al meglio l’organismo alla nuova vita. 

Qual è lo stile di vita più adatto prima del concepimento? 

  • Verificare la compatibilità di eventuali cure con la gravidanza. 
    Chi soffre di disfunzioni come il diabete, l’ipertensione, i disturbi della tiroide o alcune patologie psichiche e si sta sottoponendo alle relative cure farmacologiche, dovrà necessariamente informare il proprio medico della volontà di concepire un figlio. Questo non perché le patologie siano incompatibili con la gravidanza, quanto perché i farmaci utilizzati potrebbero interferire con essa. Il medico, in questi casi, deciderà se modificare o sospendere la terapia.
  • Almeno un mese prima del concepimento, iniziare l’assunzione di acido folico.
    Si raccomanda, infatti, che le donne che programmano una gravidanza, o che non ne escludano attivamente la possibilità, assumano regolarmente almeno 400 mcg al giorno di acido folico per ridurre il rischio di difetti congeniti, come ad esempio quelli del tubo neurale e della spina bifida.(Network Italiano Promozione Acido Folico - Istituto Superiore di Sanità). Il dosaggio finale sarà comunque a discrezione del proprio medico, che valuterà le condizioni della futura mamma.
  • Smettere di fumare.
    Sono ormai innumerevoli gli studi scientifici che hanno dimostrato come il fumo anche prima del concepimento aumenti il rischio di gravidanze ectopiche e di patologie per il nascituro. 
  • Evitare gli alcolici e gli stupefacenti di qualunque tipo.
    L’Istituto Superiore di Sanità afferma che l’assunzione di alcol in gravidanza, anche in minime quantità, può pregiudicare la salute e lo sviluppo del feto. I limiti stabiliti dalle Linee guida nutrizionali, considerano in assoluto il periodo della gravidanza come il più vulnerabile per l’individuo all’esposizione di qualunque bevanda alcolica.
  • Fare attività fisica. 
    Lo sport di qualunque genere aiuta sia nel controllo del peso, sia nel raggiungimento di un buon livello di salute, soprattutto in donne con problemi di obesità o di ovaio policistico.
  • Evitare l’esposizione a sostanze o prodotti chimici e tossici.
    Il mercurio è ai primi posti. Seguito dai pesticidi. Attenzione anche al ben noto Bisfenolo A e gli ftalati, che possono provocare danni alla salute della donna e del nascituro e sono spesso presenti in prodotti di uso comune come cosmetici, detersivi e prodotti di bellezza.
  • Attenzione alla dieta. 
    L’alimentazione prima del concepimento è molto importante, sia per la salute della mamma che per quella del futuro bimbo. Una dieta equilibrata e sana che includa tutti i nutrienti principali, e non necessariamente carnivora, purché comprenda in buona quantità di sali, vitamine e minerali nelle dosi raccomandate. Gli alimenti più indicati sono quelli contenenti acido folico, come carne, pesce, uova, legumi e verdure a foglia verde. 

Ma i consigli non valgono solo per le future mamme. Ci sono alcuni accorgimenti che anche i futuri papà dovrebbero considerare per prepararsi al concepimento. 

  • Smettere di fumare.
    Nell’uomo il tabacco mina la qualità del liquido seminale, in quanto ha un effetto dannoso a livello vascolare. Inoltre può ridurre la fertilità incidendo negativamente sul numero e sulla mobilità degli spermatozoi. Questo discorso vale anche per l’alcool e per gli stupefacenti di qualsiasi genere.
  • Non usare biancheria intima costrittiva.
    Prediligere tessuti naturali che permettano un’adeguata traspirazione.
  • Evitare gli sport che potrebbero provocare microtraumi alla zona genitale, come il ciclismo.
    Prediligere attività fisiche non occlusive, come il nuoto. • Assumere vitamine C, E, D, zinco e calcio. Questi nutrienti aumentano la vitalità degli spermatozoi.

 FONTI: ISS, Dipartimento Alimenti Nutrizione Sanità Pubblica