L'acido folico, un concentrato di protezione per il figlio che verrà

È questo il titolo del video realizzato dall'Ufficio Stampa dell'ISS in collaborazione con il Centro Nazionale Malattie Rare per spiegare alle future mamme come, quando e perché prendere l'acido folico.

Si tratta di una presentazione animata che alterna immagini semplici a messaggi chiari scritti e parlati. Lo scopo è prettamente didattico e informativo. L’effetto grafico è ridotto al minimo per sottolineare in 4 minuti e mezzo un messaggio importante: la tutela della salute del bambino inizia prima del concepimento.

L’acido folico, conosciuto anche come vitamina B9, riveste un ruolo essenziale nella prevenzione delle patologie malformative fetali, soprattutto dei Difetti del Tubo Neurale (DTN). La riduzione del rischio arriva fino al 70% se l’acido folico viene assunto correttamente. Il suo impiego nel periodo periconcezionale è da tempo codificato in linee guida di pratica clinica applicabili quotidianamente sia dallo Specialista in Ginecologia e Ostetricia sia dal Medico di Medicina Generale. Diventa quindi importante conoscere il perché, i tempi e i dosaggi dell’acido folico, per un suo corretto impiego in stati fisiologici, in situazioni patologiche e in relazione a diverse abitudini di vita.

In natura, l’acido folico si trova nei vegetali a foglia larga, nel fegato, nelle uova e nei legumi. È scarso nella frutta (ad eccezione delle arance), nelle carni e nel latte. È importante dire che la cottura dei cibi distrugge in pochi minuti quasi interamente la quota di folati (90%). Ecco perché le donne che cercano una gravidanza devono ricorrere alla supplementazione.

Secondo il Network Italiano Promozione Acido Folico per la Prevenzione Primaria di Difetti Congeniti “si raccomanda che le donne che programmano una gravidanza, o che non ne escludono attivamente la possibilità, assumano regolarmente almeno 0,4 mg al giorno di acido folico per ridurre il rischio di difetti congeniti. E’ fondamentale che l’assunzione inizi almeno un mese prima del concepimento e continui per tutto il primo trimestre di gravidanza”.

Tra l’altro l’acido folico è offerto gratuitamente dal SSN.

Ma non solo. L’acido folico favorisce la maturazione degli ovociti ed è:

  • essenziale nella moltiplicazione e divisione cellulare
  • contribuisce alla crescita dei tessuti in gravidanza
  • ha un ruolo fondamentale nella sintesi proteica e nucleica (per la produzione di DNA e RNA)
  • essenziale nel metabolismo degli amminoacidi e nella riparazione dei cromosomi

Alla fine del video, Domenica Taruscio, Direttore del Centro Nazionale Malattie Rare dell’ISS l’acido folico afferma “L’acido folico: il primo regalo da fare a tuo figlio”. E dopo aver visto il video sapremo tutti perché!

Guarda il video:

FONTE: Ministero della Salute